Per i giovani in Italia è difficile avere un futuro migliore del presente

Per i giovani in Italia è difficile avere un futuro migliore del presente

In Italia la scarsa mobilità sociale è un problema che limita fortemente le opportunità dei giovani e frena le loro potenzialità. L’ascesa sociale, intesa come il passaggio da una classe sociale inferiore a una superiore, rimane un’eccezione piuttosto che la norma: molti giovani hanno difficoltà a trovare un lavoro ben remunerato, a diventare proprietari di una casa o ad accedere a servizi di alta qualità.

Ciò è dovuto a una serie di fattori strutturali, tra cui la scarsa qualità dell’istruzione, l’inefficienza del mercato del lavoro, la mancanza di investimenti nelle regioni più depresse e la presenza di una cultura favorevole all’immobilismo sociale. Il risultato di questi fattori è un sistema in cui i giovani italiani non trovano spazio e devono faticare per ottenere il minimo indispensabile a vivere. Sempre più giovani si sentono intrappolati in situazioni di precarietà e incertezza, con poche prospettive di miglioramento.

Una società, invece, viene considerata “mobile” tanto più l’accesso ai servizi e le opportunità offerte in ciascun settore sono distribuite in modo equo tra le diverse classi sociali. Questo indicatore tiene conto di 5 dimensioni diverse di mobilità sociale:

Fattori della mobilità sociale
Fattori della mobilità sociale

L’importanza della scuola nella mobilità sociale

La scuola, che dovrebbe essere il mezzo principale attraverso il quale emanciparsi da una situazione di svantaggio, vede in realtà proprio negli studenti provenienti da classi sociali deboli, i risultati peggiori. Questo dato evidenzia come il sistema scolastico non riesca a colmare le differenze economico-sociali, perdendo così per strada molti ragazzi ai quali non si è riuscito a dare i mezzi per costruirsi un futuro migliore. Analizzando i risultati degli Invalsi 20/21, si osserva che gli studenti più in difficoltà sono quelli provenienti dai contesti socio-economico-culturali più sfavorevoli.

Invalsi 20/21
Invalsi 20/21

Inoltre, dagli stessi dati risulta che la quota di studenti svantaggiati, ovvero quelli che conseguono risultati più bassi, non sia distribuita in modo equo in tutto il Paese.

Percentuale di studenti che non raggiungono il livello base nelle competenze in lettura:
Percentuale di studenti che non raggiungono il livello base nelle competenze in lettura

Come è stato evidenziato anche dai dati a livello internazionale, sistemi educativi diversi, a parità di condizioni della famiglia di origine, possono migliorare la qualità dell’apprendimento e l’acquisizione di competenze. Sono necessarie politiche pubbliche che investano in istruzione, formazione e infrastrutture, nonché riforme che garantiscano maggiori diritti e tutele per i lavoratori precari.

In Italia ci sono molte sfide ed emergenze sociali da affrontare, ma la consapevolezza e l’attenzione ai problemi che affliggono i giovani sono l’unica strada per un futuro migliore ed una società più equa e inclusiva.

Pubblicato da Marco Barone

Classe 1998, vicedirettore. Sono laureato in Scienze Politiche alla Statale di Milano e ho un Master in giornalismo multimediale. Appassionato di libri, cinema, scrittura e cucina, cerco di leggere e capire il mondo perché è l’unico modo per cambiarlo.


La newsletter che ti porta nel mondo dei giovani 🚀

Iscriviti!