È stato creato un aerogel che ricava acqua potabile dall’aria in modo economico e sostenibile

È stato creato un aerogel che ricava acqua potabile dall’aria in modo economico e sostenibile

Uno gruppo di ricerca della NUS ha creato un aerogel in grado di produrre acqua potabile dall’aria e in qualsiasi condizione climatica.

Aerogel

L’acqua è sempre stata un bene di prima necessità per l’uomo, ma più del 40% della popolazione mondiale non ha accesso a tale risorsa. Di 177 paesi solo 13 detengono il 64,4% delle risorse idriche mondiali.
Queste risorse, però, sono sempre più minacciate da innumerevoli fattori:

  • una crescente richiesta di cibo. Questo comporta un’intensificazione dell’attività agricola che, insieme all’industria, è il settore in cui si utilizza il maggiore quantitativo di acqua. Nei paesi più poveri, per esempio, l’80% delle risorse idriche viene utilizzato solo per l’agricoltura. Ciò è dovuto anche al fatto che in questi luoghi le tecniche di irrigazione siano ancora molto arretrate, causando un enorme dispendio della risorsa;
  • una cattiva gestione dell’ambiente. Molte fonti di acqua fiumana vengono costantemente danneggiate a causa di un loro indiscriminato utilizzo. Inoltre, più del 70% dei liquidi e dei rifiuti industriali viene rigettato in mare senza alcun controllo o trattamento, inquinando una possibile risorsa;
  • l’inadeguatezza nel gestire equamente le risorse idriche transfrontaliere;
  • l’incombente cambiamento climatico. Si stima che a causa dei cambiamenti climatici ci sia il 20% in meno di accesso alle risorse idriche mondiali.

È quindi chiaro che l’acqua non sia un bene infinito e che il modo in cui la stiamo utilizzando non sia vantaggioso. A causa di ciò, molti studiosi sostengono che le guerre future saranno incentrate soprattutto sul controllo delle risorse idriche.

Aerogel

Ma una buona notizia arriva da un gruppo di ricerca della National University of Singapore (NUS) che ha creato un nuovo materiale in grado di estrarre acqua potabile dall’aria. Si tratta di un aerogel, una sostanza solida e molto leggera che al microscopio assomiglia a una spugna. È formato da polimeri a catena lunga capaci di assorbire e rilasciare le particelle di acqua con continuità.
In un ambiente umido, un chilogrammo di aerogel produce circa 17 litri di acqua al giorno. L’acqua che ne viene ricavata è conforme agli standard di acqua potabile richiesti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

In precedenza, molti gruppi di ricerca hanno cercato soluzioni per dissalare l’acqua marina.  Ma a causa degli elevati costi delle procedure questa idea è stata abbandonata.
Successivamente le ricerche si sono spostate sull’atmosfera. Essa infatti è estremamente ricca di acqua che viene costantemente reintegrata dal ciclo idrologico globale. Vari studiosi hanno realizzato diversi sistemi di estrazione, alcuni alimentati a energia solare e altri attraverso l’elettricità.
L’aerogel del gruppo di ricerca della NUS però si differenzia dagli espedienti precedenti perché è molto più pratico, con un costo energetico minimo, sostenibile e in grado di estrarre l’acqua dall’aria in molte condizioni climatiche.

La sperimentazione è stata pubblicata sulla rivista internazionale Scienze Anvances e si mira a trovare partner industriali che ne diffondano l’utilizzo sia in ambito domestico che industriale.

Fonti

Ecoscienza, ACQUA: SCARSITÀ, CONFLITTI E SOSTENIBILITÀ, 2014

Focus, Come ottenere acqua potabile dall’aria, 17 aprile 2017

NUS, NUS engineers create ‘smart’ aerogel that turns air into drinking water, 19 gennaio 2021

Rinnovabili, Dal NUS il gel intelligente che produce acqua potabile dall’aria, 21 gennaio 2021

Pubblicato da Virginia Colaiori

Laureata in Comunicazione digitale e legata al tema dell’ambiente. Due realtà che mi rappresentano e che mi piace coniugare. Amo gli animali e stare a contatto con la natura, mi fanno sentire libera e spensierata. Nella vita quotidiana faccio del mio meglio per ridurre la mia impronta ecologica.

Commenti